Salov cresce in Russia

08/05/2018

Ad appena due anni dall’apertura della prima filiale a Mosca, il Gruppo Salov, uno dei principali operatori del settore dell’olio di oliva, proprietario dei marchi Sagra, per il mercato italiano, e Filippo Berio, leader all’estero, è già diventato il secondo importatore di olio in Russia e il primo italiano. L’inaugurazione nel 2016 della filiale diretta a Mosca è stato un passo fondamentale nel percorso di crescita intrapreso dall’azienda nel 2008, iniziato con il classico modello distributivo tramite importatore. Da allora, Salov ha registrato una continua crescita di volumi e di interesse da parte dei consumatori russi, confermata da ricerche che hanno evidenziato il grande potenziale del mercato, tanto che dal 2012 l’azienda di Lucca ha investito per avere una sua risorsa diretta in loco a coordinare le attività del distributore e preparare l’apertura della filiale diretta.

La crescita di Salov in Russia
La performance in termini di volume è cresciuta del 40% rispetto agli anni precedenti il 2016. Un risultato ancor più importante se si considerano le grandi difficoltà che le esportazioni verso la Russia hanno attraversato negli ultimi anni. In pochissimo tempo, il Gruppo Salov è riuscito ad allargare la presenza dei suoi prodotti in tutte le catene federali acquisendo nuovi clienti di spessore, come le catene Pyaterochka e Magnit nel solo 2017. A livello di performance nella distribuzione organizzata, nel bimestre dicembre 2017 – gennaio 2018, l’azienda ha raggiunto la prima posizione sia a valore (12%) che a volume (13,6%) (fonte Nielsen) e prevede a breve di penetrare ancor più in profondità inserendo i suoi prodotti nelle catene regionali e locali della distribuzione. Continuano gli investimenti per l’ampliamento di gamma, creando prodotti studiati ad hoc per questo mercato, con l’obiettivo di arricchire le occasioni di visibilità del brand e di contatto con il consumatore. Anche il settore foodservice è funzionale alla crescita. Il 2018 è stato inaugurato da un accordo strategico stipulato con la società Dolce & Salato, incaricata dell’inserimento dei prodotti presso le grandi catene fast e slow food e del fine dining. In pochi mesi, gli Chef di Eataly, Il Forno, Chaikona, White Rabbit, Semifreddo, Shokoladnitsa e utilizzano l’olio Filippo Berio in cucina.

Scarica il comunicato

Visualizza tutti i comunicati